Hueders

Quando è nata Hueders?
La casa editrice nasce nel 2010, frutto del lavoro nella distribuzione di marchi argentini, spagnoli e messicani. La necessità di promuovere un progetto personale.
Può descrivere il lavoro della casa editrice? 
La nostra casa editrice ha tre collane: narrativa, saggistica e letteratura per ragazzi, nel senso più ampio del termine.
Qual è stato il primo libro che avete pubblicato?
 La sociedad contra el Estado di Pierre Clastres.
Quali caratteristiche deve avere un autore per pubblicare con voi?
Preferiamo proporre libri piuttosto che aspettarli, e in questo senso gli unici requisiti sono la qualità e l’intelligenza. Considerate le dimensioni del mercato sono sempre preferibili argomenti e formati più commerciali.
Quali sono i titoli più venduti? E quali quelli rappresentano meglio la vostra linea editoriale?
 Il più venduto è il Libro Gordo de 31 minutos, che ha appena oltrepassato la soglia delle 20.000 copie. Quello che rappresenta meglio la nostra filosofia è il libro del cronista Roberto Merino: Todo Santiago. Una riscoperta di qualità che sta facendo buoni numeri in libreria.
Che tipo di lettori sono i cileni?
È un Paese piccolo, che non ha una cultura libresca forte. Si leggono libri di argomento locale, e best seller dei grandi gruppi
Come descriverebbe la situazione dell’attuale industria editoriale del suo paese? E in generale in America Latina?
 Il Cile non sta vivendo un brutto momento, tuttavia è un mercato ancora piccolo. I libri sono costosi (l’IVA è al 19%), e c’è una crescita incerta di librerie e biblioteche. E in ogni caso, ciò che esiste è molto marginale. L’America Latina vive un boom di gruppi piccoli e le vendite sono stabili. Ho la sensazione però che ci siano meno lettori.
Che cosa fa il governo del vostro paese per incentivare l’industria editoriale e promuovere la lettura?
Il governo ha programmi di sostegno alla creazione, alla traduzione e qualcosa per l’industria. Pochi e poco finanziati.
I vostri libri sono tradotti all’estero?
Abbiamo avuto un unico libro tradotto in tre lingue.
Quali paesi europei sono maggiormente interessati alle vostre pubblicazioni?
Spagna.
Avete un aneddoto sulla vostra casa editrice che avete voglia di raccontarci?
Ci chiamiamo Hueders, perché in Germania non capivamo nient’altro che questa parola, ed è diventata un’espressione molto usata per dire qualcosa che non capisci.
Qual è il prossimo libro che pubblicherete e perché ne consiglierebbe la  lettura? 
Fuera de campo. Un libro di profili di scrittori scritto da uno dei migliori scrittori cileni.
Risponde alle nostre domande Rafael Lopez Giral, editore di Hueders
Print Friendly

Traduzione di elisa tramontin

Elisa Tramontin è nata a Belluno, ma vive e lavora a Roma. Laureata in Lingue e Letterature Straniere a Bologna, dal 2005 collabora con diverse case editrici e si occupa di traduzione e sottotitolazione di film e documentari. Per laNuovafrontiera ha tradotto Mario Benedetti, Fernando Aramburu, Antonio Dal Masetto, Lucía Puenzo, Sergio Álvarez e Valeria Luiselli.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *