Diari di traduzione 5/Morirse de memoria

09/09/2011

Se il primo libro di un traduttore non si scorda mai, posso ormai assicurare che nemmeno il secondo, dato che gli si dedica una tale quantità di tempo che entra a far parte della quotidianità. Quando non vedi l’ora di lavorarci, quando ti ritagli anche una mezz’oretta tra un impegno e l’altro, quando non hai tempo ma devi farlo o semplicemente quando faresti anche dell’altro, la traduzione da portare avanti e perfezionare è sempre lì che ti aspetta e ci si sente un po’ come il pittore che con il pennello più piccolo che ha deve ritoccare le sbavature in un affresco gigantesco.

Ripensando a Morire di ricordi, chi sceglierà di vivere l’avventura del rompecabezas capirà cosa intendo se dico che in ogni fase del lavoro, dalla lettura in lingua originale alla prima stesura e persino durante le molteplici riletture, ho sperimentato i più svariati stati d’animo, passando a volte dall’angoscia al riso o dalla rabbia allo sfinimento in men che non si dica. Alcune immagini incredibili vi resteranno in testa per sempre, alcune frasi ripetute più volte nel libro entreranno nel vostro modo di parlare diventando una specie di lingua in codice che gli altri non capiranno, vi inizierete a porre mille domande, gli oggetti di tutti giorni si mostreranno sotto una luce diversa e finirete per parlare con loro, o da soli (è uguale). Ve lo assicuro, a me è successo…

Chiara Muzzi

Print Friendly

Traduzione di Lorenzo Ribaldi

2 Comments Diari di traduzione 5/Morirse de memoria

  1. camelia

    Bravissima Chiara! E’ proprio così, in tutto! Sto finendo di tradurre il mio primo libro, il primo di una luuuunga serie, spero. E so che non lo scorderò mai, né questo, né il prossimo, né l’altro ancora…

    Reply
    1. Chiara

      Mi fa piacere che ti sia ritrovata in quello che ho detto e non mi abbia presa per matta! Allora ti faccio tanti auguri, che le nostre piacevoli fatiche possano essere le prime di tante altre!

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *